Fa come se io non ci fossi

               si apposta (apposta) accanto

               attorno alla poltrona di Verbena

               Si addossa in pianta stabile

               mi pianta gli occhi addosso

               mi chiede: “vuoi ballare?”

               appare irresponsabile il rifiutare adesso

               Adesso che la sala muta colore e mandra

               rispondo: “ti è concesso” alla domanda.

 


Annunci
Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • RobertoTossani  Il 5 ottobre 2004 alle 15:59

    Intimismo cromatico-celentaniante.
    (“Prego, vuol ballare con me? Grazie, preferisco di no”)

  • PlacidaSignora  Il 5 ottobre 2004 alle 16:18

    Atmosfera di antiche sale danze dette balere…Ma lui aveva il papillon? E la giacca di damasco sciansgiànt (da pronunciarsi alla Govi ne “I Manezzi pe’ maja’ na figgia”…)

  • utente anonimo  Il 5 ottobre 2004 alle 18:08

    Allora alla mia giacca di damasco “manca un pomelo”…

  • utente anonimo  Il 5 ottobre 2004 alle 19:32

    Ma… ma… va’ che siete riusciti ad essere ancor più incomprensibili della mia poesia 😛
    Cosa sono i “manezzi”? Il “pomelo”?

    (E comunque il lui era una lei, ecco. C’era un cangiante animaletto e persino un indizio colorato 🙂

  • utente anonimo  Il 5 ottobre 2004 alle 19:38

    Tox… prima era tutto un fiorir di splendida e uno sbocciar d’adorabile e adesso vuoi nemmeno ballare… Tzè!

  • leida  Il 5 ottobre 2004 alle 21:15

    ………cavoli, mi vengono tante cose. Del movimento lento e fluido del rettile sul ramo che le parole fanno, della tensione dell’animale all’incontro con la preda, ma non so dire che …bella.

  • RobertoTossani  Il 6 ottobre 2004 alle 08:16

    Splendore adorabile, io con te danzerei dal tramonto all’alba, senza far conto, anche in nero e bianco, sino a quando il cielo con un dolce gesto stanco stenderà il suo velo, sulla poltrona accanto.

  • utente anonimo  Il 6 ottobre 2004 alle 09:14

    Geniale. E poi hai coniato un aggettivo: mandra, che è bellissimo. Brava, mandrisse.

  • gliattratti  Il 6 ottobre 2004 alle 11:04

    Tossani…COSA FARESTI, TU? #§£$ù@%&#[!]

  • PlacidaSignora  Il 6 ottobre 2004 alle 11:37

    …e allora balliamo!!

    [lub]

  • matisse  Il 6 ottobre 2004 alle 11:55

    I “manezzi” sono i “maneggi”. Il “pumellu” è il bottone che doveva entrare nella “gassetta” (asola).
    Era l’indizio colorato che m’aveva fatto pensare al sciansgiànt…

  • Anonimo  Il 6 ottobre 2004 alle 15:41

    Grazie della traduzione, signora.
    Grazie anche a leida (sono d’accordo :), al maestro, a toss, a blogghino, a lub, a… cielo! mio marito! 😛

  • Anonimo  Il 8 ottobre 2004 alle 15:40

    Mi associo a Tossani. Sei fantastica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: