Ricreazioni:

    D’après-moi: Rauschenberg

   

Annunci
Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • utente anonimo  Il 29 dicembre 2004 alle 00:09

    These are the days when birds come back,
    A very few, a bird or two,
    To take a backward look……..

    Vi scorgo uno sguardo rapace.
    D’artista intento a sottrarre alla sua opera finanche la tela.
    Pronto però a restituirla (almeno in parte)
    dopo averne compressa (fino allo stremo) l’intima arte.

    (A proposito, mat…ma il senso dell’arte…ehm…ecco…sarà mica l’olfatto? :/)

    dademar…with a little help from e.d. 🙂

  • utente anonimo  Il 29 dicembre 2004 alle 00:53

    merda d’artista. [bandini]

  • matisse  Il 29 dicembre 2004 alle 09:55

    Dademar, nonostante il buon senso, in genere, non mi sorregga, provo a rispondere perché la domanda non è certo da poco e in fondo mi farebbe piacere che tra tutti gli infiniti sensi, sia proprio l’olfatto quello che ha prevalso quando hai aperto questa profumata-ricreazione.

    Il senso dell’arte, dopo essere passato dalla vista, visita il resto del corpo e, per intercessione della Beata Vergine dell’Interpretazione Percettiva e Concettuale (l’Immaculée Conception), si ferma da qualche parte.
    Da te, si è fermato dappertutto.
    Nel tuo messaggio ci sono: l’udito delle parole di Emily, la vista nello sguardo che hai colto rapace, il tatto che hai sempre dimostrato nello scrivere, il buon gusto nel dedicarmi tempo e poesia e non ultimo, un ottimo fiuto 🙂

    (porta pazienza, lo sapevo che il buon senso non mi avrebbe posseduta a lungo 🙂

  • matisse  Il 29 dicembre 2004 alle 10:02

    Bandini, è proprio così. Questa ricreazione sostituisce l’artefice del quadro. Dal pittore ai visitatori volatili che diventano i veri creatori dell’opera.

  • zop  Il 29 dicembre 2004 alle 10:46

    l’arte dei cardellini… (PZ: ti auguro un anno pieno di zZz)

  • utente anonimo  Il 29 dicembre 2004 alle 20:01

    mat 🙂 spesso il buon gusto del senso non si riconosce nella dissonante ricerca di sé, ma nel piegarsi a respirare il luminoso profumo dell’arte 🙂
    non è lui che deve sorreggere te, in fondo, sei tu a offrirgli un morbido pretesto su cui riposare 🙂

    tanti auguri di tanto buon anno, mat 🙂

    dademar

  • matisse  Il 29 dicembre 2004 alle 20:43

    Ora che il senso si è addormentato, ricambio sottovoce gli auguri: tanto buon anno a te, dademar 🙂

  • matisse  Il 29 dicembre 2004 alle 20:44

    ZzZantellanti auguri, antonio 🙂

  • matisse  Il 30 dicembre 2004 alle 16:11

    Parto per qualche giorno, vi auguro un anno sereno *

  • utente anonimo  Il 30 dicembre 2004 alle 18:02

    auguri mati
    didì

  • arden  Il 30 dicembre 2004 alle 18:21

    Auguri, Matisse:-)

  • utente anonimo  Il 31 dicembre 2004 alle 01:31

    Mao, Mantova

  • wolfungag  Il 31 dicembre 2004 alle 13:59

    Ciao…posso sapere come fai a pubblicare le foto?
    utilizzi l’opzione aggiuntiva di splinder?
    grazie!
    ciao!

  • utente anonimo  Il 1 gennaio 2005 alle 16:50

    Persino gli escrementi sembrano eleganti in questo elegante blog

  • matisse  Il 3 gennaio 2005 alle 17:03

    Benvenuto TeoMaoLeo 🙂

    Ciao wolfungag, io prendo in prestito uno spazio nel sito di un amico e da lì trasloco le mie cose. Spero sempre che lui lasci le luci accese e che non chiuda mai la porta, altrimenti sparirebbe nel buio anche tutto questo blog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: