Correnti:

    Impressionismo

   

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • utente anonimo  On 19 novembre 2007 at 10:45

    ortlalelavonu

  • utente anonimo  On 19 novembre 2007 at 13:35

    Ah, lo riconosco. E’ quello che usano alle gallerie d’arte notturne, per consentirti di rientrare senza pagare di nuovo la consumazione. O forse mi sbaglio, è solo una mia impressione.

  • didolasplendida  On 19 novembre 2007 at 16:39

    le timbre de l’impressionisme c’est le timbre avec la capa sott e le pier en ciel, sa van dire che le monde au contraire fait beaucoup d’impression da ici le nom impressionistes à tous cettes artistes qui s’empressionnent si qualcun ou qualconque faites leurs “BUM”
    (totò docet)

  • alog  On 19 novembre 2007 at 22:43

    fragile
    ——

    una bottiglia
    di legno
    un segno
    di meraviglia

  • utente anonimo  On 20 novembre 2007 at 00:06

    timbro lieve
    fragile corrente del reno
    iridescente deliquio di onde
    gas turchino, tenue
    borbottio del timone
    tempesta di luci, e d’oro:
    “passerà, la sera” – par sussurrare –
    “il calmo riso ti guiderà”
    fino a ciò che ne rimane…
    tempo ce n’è (assesto un dubbio)
    almeno, forse, per provare…

    vabbè 🙂
    il lunedì, a volte, è così :/
    un po’ confuso, ecco 😐

    ciao! 🙂
    dademar

  • zop  On 20 novembre 2007 at 14:49

    uuu che impressione!

  • matisse  On 20 novembre 2007 at 18:02

    psag, aresanuob

    Hai ragione, karim, a volte nelle gallerie d’arte notturne (soprattutto se non accendono la luce) ci consumi gli occhi

    dido, ton français aussi est presque impressionant, félicitation 🙂

    (al, come hai fatto a leggere “fragile”?, credevo che nessuno se ne sarebbe accorto!)

    Sembrerebbe, questa bella poesia, dademar, ispirata da “Impression, soleil levant” di Monet. Mi resta da capire come fa la Senna di lunedì a diventare il Reno e cosa ci facciano le risaie a Le Havre 🙂 Riconosco una citazione familiare e trovo perfetta la collocazione di quel quadro (al museo Marmottan 🙂 Grazie infinite

    Sembra che il colore si dissolva en plein air, fratellino, non preoccuparti!

  • utente anonimo  On 20 novembre 2007 at 21:52

    ecco 😐
    lo dicevo ch’ero confuso :/
    ma la colpa è anche di quei discolacci di Pierre-Auguste, Edgar, Claude, Berthe, Edouard…per non dire del dubbioso George-Pierre (as known as “VI”) e dei suoi puntini alla “que seurat serà”… perfido più di me nel giocare a nascondino 😐
    sembravano divertirsi tanto che sono mica riuscito a fermarli (o almeno a trovarli :!).
    torno a nascondere anche me, al trepido levare d’un’intrepida parola:
    per.dono!

    ciao! 🙂
    dademar
    p.s. sono matto, vero? 😐

  • utente anonimo  On 20 novembre 2007 at 21:57

    che poi era “also known as…”
    ehhhhh! non è che il martedì sia tanto meglio, eh! :/
    quasi quasi mi asVI un diretto 🙂

    ciao! 🙂
    dademar

  • utente anonimo  On 20 novembre 2007 at 22:18

    ADESSO QUESTA COSA DI FRAGILE ME LA DOVETE SPIEGARE CHE SON SCEMO E NON L’HO CAPITA!

    GRRRRR

  • utente anonimo  On 21 novembre 2007 at 09:18

    adesso che c’ho gli occhiali giusti vedoscritto fragilepur’io

    hops

  • emiglia  On 21 novembre 2007 at 15:43

    ohohh! non bisogna mai distrarsi qui:)
    mi assento un attimo e trovo una raffica di cose belle! cara matisse sono davvero impressionata.

  • matisse  On 21 novembre 2007 at 16:15

    Non sei matto per niente, dademar (o forse solo un po’ :), sono io ad essere pigra, ma adesso ho fatto i compiti, dimmi se manca qualcuno 🙂

    timbro lieve
    fragile corrente del RENO
    IRidescente deliquio di onDE
    GAS turchino, tenue
    borbottio del tiMONE
    Tempesta di luci, e d’oro:
    “passerà, la sera” – par sussurrare –
    “il calMO RISO Ti guiderà”
    fino a ciò che ne riMANE…
    Tempo ce n’è (asSESTO un dubbio)
    almeno, forse, per provare…

    Buongiorno, emiglia, ben tornata 🙂

  • cf05103025  On 21 novembre 2007 at 18:52

    o timbro co a capa de sutta
    fa n’impressione brutta

    Marius

  • utente anonimo  On 21 novembre 2007 at 20:34

    10 e lode, matisse! 🙂
    che quando dimentichi i tuoi natali (o erano pasquali? :/) partenopei e intoni il “nessun dorma”, t’isserei di peso (che tanto è pochino 🙂 s’un raggio di sol levante, ecco 🙂
    hai anche scansato la trappola di serà-seurat! :)!!!
    che c’era scritto “pas-serà” mica per caso 🙂
    (o sì? :|)
    uf…capisco mai quello che scrivo :/
    la prossima volta lo scrivo più GRANDE, ecco 🙂

    ciao! 🙂
    dademar

  • ibridamenti  On 22 novembre 2007 at 13:47

    ottimo!
    impressiona il tuo blog, non c’è che dire 😉

  • matisse  On 22 novembre 2007 at 18:14

    Grazie per il voto, dademar, ora lo moltiplico e fondo qualcosa (compresa la cena, chiaro 🙂

    Buona sera, ibridamenti, interminabili grazie anche a te 🙂

  • metallicafisica  On 23 novembre 2007 at 12:22

    Timbrillisme!

  • triana  On 24 novembre 2007 at 00:19

    Che bello, mi fai diminuire il mal di testa:-))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: