Correnti:

    Lettrismo

   

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • utente anonimo  On 21 gennaio 2008 at 09:17

    letto!

  • metallicafisica  On 21 gennaio 2008 at 10:33

    Mi chiedo dopo la lavatrice, quelle lettre come ne usciranno:)

  • undulant  On 21 gennaio 2008 at 11:08

    scrissi, una volta: “tre son le cose che più mi allettano: il letto, la lettura e le allitterazioni”.

  • matisse  On 21 gennaio 2008 at 11:11

    Ora non ti resta che scrivere, gasp!

    Anagrammate, MF? 🙂

    Benvenuto a casa, allora, undulant

  • utente anonimo  On 21 gennaio 2008 at 14:12

    Letto, approvato e sottoscritto!
    ulrico

  • 3m4  On 21 gennaio 2008 at 15:51

    Leggere a letto: capita spesso, è capitato adesso.

  • utente anonimo  On 21 gennaio 2008 at 17:19

    Riconosco il letto di Clelia Marchi.

  • cf05103025  On 21 gennaio 2008 at 17:59

    Ecco perché gli analfabeti
    non si possono coprire bene!!!

  • cybbolo  On 21 gennaio 2008 at 18:38

    con un letto così sai che incubi: mi immagino nella jungla semistranfgolato da una G arancione scuro e cerco di ucciderla con una tagliente t arrugginita.
    vengo inghiottito, invece, dalla O della sua bocca vorace.
    e mi sveglio sudatissimo e mi becco una bronchite…

  • matisse  On 21 gennaio 2008 at 18:46

    Ulrico, potresti proporti come collaudatore di materassi letterari 🙂

    E che dire dello scrivere lettere sulla lettiera, 3m4?

    Grazie per avermi fatto conoscere il lenzuolo di Clelia Marchi, karim, è opera di una purezza che lascia senza parole.

    Perché sono illetterati, marius?

  • matisse  On 21 gennaio 2008 at 18:57

    Su, cybbolo, le Giraffe non hanno mai strangolato nessuno (hanno già il loro da fare a tener lontana la testa dalle spalle), la T non può essere che tranquilla e gli Opossum sono grandi quanto un topolino. I cybboli, quelli sì, sono ferocissimi! (ma cos’è un cybbolo?…)

  • didolasplendida  On 21 gennaio 2008 at 19:48

    ma con quante letterine va a letto!

  • utente anonimo  On 21 gennaio 2008 at 21:12

    Immaginavo che, nel caso in cui non la conoscessi già, ti sarebbe piaciuta la sua storia. Per dovere di verità, però, devo ammettere di non aver letto il libro.

  • cf05103025  On 21 gennaio 2008 at 23:50

    non han coperte letterate come questa, o matisse….

    Marius

  • madeinfranca  On 22 gennaio 2008 at 07:22

    bisousbercés !

  • utente anonimo  On 22 gennaio 2008 at 11:35

    Un alfabeto veramente allettante, cara Matisse.

    Bandini

  • alog  On 22 gennaio 2008 at 16:58

    un po’ freddo quel letto
    provino, signore, la coperta alettrica

  • didolasplendida  On 22 gennaio 2008 at 17:57

    sento una musica in sottofondo
    ma certo è coltrane!

  • matisse  On 23 gennaio 2008 at 19:15

    E non ho messo il baldacchino, dido, altrimenti sai quante veline?

    Il primo che la trova, la racconta all’altro, karim?

    Avesse finestre, quella stanza, marius, potresti costruire ante (litteram)

    Grazie per l’epilogo della ninna nanna, franca 🙂

    Ne sono altrettanto lusingata, signor Bandini

    Alog, non si avvicini al mio letto, ho l’ALabarda! 🙂

  • utente anonimo  On 24 gennaio 2008 at 16:45

    l’importante è che non ci hai làlabarba

    al

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: